Il principio è stato ribadito nella causa Lagardère Lagardère c. La Grande Camera ritiene che questo ragionamento debba essere confermato. Nel caso di specie, le società G. Solo il legale rappresentante della Hotel Promotion Bureau S.

Le autorità hanno pertanto applicato una pena alle società ricorrenti per azioni di terzi, nel caso di specie, tranne che nel caso della G. Conclusioni Gironda, in quanto le constatazioni dei giudici nazionali nel procedimento avviato nei suoi confronti costituiscono, in sostanza, una dichiarazione di responsabilità, che soddisfa le esigenze previste da questa disposizione paragrafo supra. I ricorrenti denunciano una violazione del loro diritto di proprietà.

Sulla ricevibilità Pertanto lo dichiara ricevibile. Sul merito 1. Tesi delle parti a. I ricorrenti La società G. A suo parere, questa norma implica una ingerenza legittima solo sulla base di una legge accessibile, precisa e prevedibile. Le società Hotel Promotion Bureau S. Nella sentenza Varvara sopra citatama anche nella sentenza Sud Fondi S. La società Falgest S. Secondo i ricorrenti, la misura contestata, ordinata dalla Corte di cassazione, si rivela manifestamente illegittima e arbitraria e, in ogni caso, è priva di una base giuridica sufficientemente chiara, accessibile e prevedibile.

Nel caso in cui la Corte ritenesse che la confisca controversa avesse una base giuridica, i ricorrenti sostengono che essa era sproporzionata rispetto allo scopo perseguito e non rispettava il giusto equilibrio tra gli interessi in gioco. Il Governo Le misure contestate avrebbero fondamento giuridico, perseguirebbero uno scopo legittimo e sarebbero proporzionate. A suo parere, sarebbe stato tecnicamente molto difficile, se non impossibile, limitare la confisca ai soli terreni edificati e separare quelli edificati da quelli non edificati.

Per quanto riguarda la prima ricorrente, il Governo osserva che il terreno confiscato è stato restituito. Per quanto riguarda i beni delle società Hotel Promotion Bureau S. Infine, con riferimento alla società Falgest S. Valutazione della Corte La Corte rammenta che nelle sentenze Sud Fondi S. La Grande Camera giunge alla stessa conclusione nel caso di specie. È pertanto necessario determinare quali delle norme enunciate in questa disposizione siano applicabili.

La norma applicabile i Principi generali Tuttavia, non si tratta di norme non correlate. La seconda e la terza riguardano particolari esempi di violazioni del diritto di proprietà e devono pertanto essere interpretate alla luce del principio sancito dalla prima si vedano, tra altre, James e altri c. Grecia [GC], n. Nella sentenza sul merito Sud Fondi S. La Corte osserva che la presente causa differisce dalla causa Agosi c. Regno Unito sentenza del 24 ottobreserie A n.

Per lo stesso motivo, la presente causa si differenzia da C. Francia [dec. Regno Unito sentenza del 5 maggioserie A n. Regno Unito dec. Russia, n. La Grande Camera non vede alcun motivo per giungere ad una diversa conclusione nel caso di specie. Inoltre, la preminenza del diritto, uno dei principi fondamentali di una società democratica, è insito in tutti gli articoli della Convenzione Amuur c. Irlanda [GC], n. Francia [GC], n.

In primo luogo, il terreno confiscato alla società G. Tale restituzione è stata effettuata in virtù dei principi stabiliti dalla Corte nella sua sentenza Sud Fondi S. Successivamente, per quanto riguarda le società Hotel Promotion S. Infine, nel maggioil perito nominato dalla società Falgest S. Gironda ha sottolineato lo stato di abbandono nel quale si troverebbe il complesso sequestrato agli interessati, in assenza di manutenzione da parte del Comune proprietario dei luoghi paragrafo 87 supra.

Germania [GC], nn. Italia, nn. Ucraina, n. Bulgaria, n. Portogallo [GC], n. Pye Oxford Ltd e J. Per garantire il rispetto di questa condizione, occorre considerare le procedure applicabili da un punto di vista generale. Finlandia, n. Ungheria, n. Spagna, n. Inoltre, non essendo state parti nei procedimenti contestati, le società ricorrenti non hanno beneficiato di alcuna delle garanzie procedurali di cui al precedente paragrafo A suo parere, la possibilità di sollevare un incidente di esecuzione non le ha permesso di rimediare a queste carenze.

Il Governo contesta queste tesi. Pertanto, li dichiara ricevibili. La Corte ritiene tuttavia non necessario esaminarli, in quanto essi rientrano tra quelli già esaminati dal punto di vista degli articoli 7 della Convenzione e 1 del Protocollo n. Gironda denuncia inoltre una violazione della presunzione di innocenza a causa della sentenza della Corte di cassazione che impone la confisca del terreno nonostante il non luogo a procedere per prescrizione.

Il ricorrente spiega che, secondo la Corte di cassazione, il cambio di destinazione degli edifici costruiti era stato provato dalle dichiarazioni rese da terzi e dai documenti inseriti nel fascicolo. Egli ritiene che, per questa giurisdizione, la natura abusiva della lottizzazione non sollevasse alcun dubbio. La presunzione di innocenza, considerata come una garanzia procedurale nel processo penale stesso, presenta anche un altro risvolto.

In tali situazioni, la presunzione di innocenza ha già consentito? Una volta concluso il procedimento penale, è in gioco anche la reputazione della persona interessata e il modo in cui essa è percepita dal pubblico. XII, e Taliadorou e Stylianou c. Cipro, nn. Paesi Bassi, n. Ad esempio, nella causa Didu c. Romania n. Analogamente, nella causa Giosakis c. Grecia n. Applicazione al caso di specie Successivamente, questa decisione è stata annullata senza rinvio dalla Corte di cassazione, la quale ha ritenuto che la responsabilità del ricorrente fosse stata provata.

Questa circostanza ha violato la presunzione di innocenza. Ne deriva che, nel caso di specie, nei confronti del sig. Nelle loro osservazioni del 26 maggiole società Hotel Promotion S. Analogamente, la Falgest S. Gironda, di lottizzazione abusiva. In origine, anche queste persone erano ricorrenti dinanzi alla Corte. Ora, queste doglianze sono state dichiarate irricevibili con decisioni parziali del 5 giugno e del 30 aprile Le decisioni sulla ricevibilità sono definitive.

Ne consegue che la Corte non ha competenza per esaminare queste doglianze si veda, mutatis mutandis, Bulena c. Repubblica ceca, n. Tutti i ricorrenti hanno depositato le loro domande di equa soddisfazione entro i termini impartiti dal presidente della Corte. Nella sua memoria presentata dinanzi alla Grande Camera, il Governo non si è pronunciato sulla domanda di equa soddisfazione dei ricorrenti. A tal fine, la Corte accorda alle parti un termine di tre mesi a decorrere dalla data della presente sentenza.

Gironda; 6. Gironda; 9. Introduzione In questa causa, ho votato seguendo la maggioranza, ma per motivi attinenti alla coerenza del dialogo giudiziario tra la nostra Corte e le autorità italiane. Se il Protocollo n. Taricco II [2]. Il settore della confisca dei beni in assenza di condanna rientra nella massima attualità giuridica internazionale. La politica di giustizia penale tende sempre più a privare i trasgressori dei guadagni economici come mezzo per combattere il crimine e le sue conseguenze.

Nel corso degli ultimi decenni è stata condotta una politica penale internazionale finalizzata al sequestro dei proventi economici del crimine e la lotta contro la criminalità acquisitiva. Mi sembra che la Corte, in questa causa, abbia solo parzialmente risolto la questione della compatibilità di questa evoluzione del diritto penale internazionale con la nostra giurisprudenza. Nella sua valutazione, la Corte ha confermato la giurisprudenza risultante dalle passate sentenze in questo ambito, in particolare dalle sentenze Sud Fondi c.

Italia [3] e Varvara c. Italia [4]. Contrariamente alle società ricorrenti, il sig. Gironda era parte nel procedimento penale avviato nei suoi confronti.

Inoltre, la Corte di cassazione ha concluso che egli aveva consapevolmente commesso il reato di lottizzazione illecita. Tuttavia, il procedimento è stato archiviato a causa della prescrizione legale. Confermando la sentenza Varvara c. Essa è invece giunta alla conclusione opposta per quanto riguarda la doglianza del sig. La Corte basa le sue conclusioni in proposito sul fatto che, in sostanza, la Corte di cassazione aveva dichiarato il sig.

Gironda colpevole, anche se il reato era caduto in prescrizione. La sentenza della Corte cita gli strumenti internazionali ma senza trarne alcuna conclusione né utilizzarli nella sua argomentazione giuridica. Per esempio, Hans-Georg Gadamer caratterizza la precondizione per qualsiasi tipo di interpretazione utilizzando la nozione di pregiudizio [9].

Si possono individuare più impulsi nel dialogo con le autorità italiane. Queste misure avevano lo scopo di ristabilire la legalità: una volta avviato il procedimento penale contro la persona accusata di trasformazione illecita del terreno, la giurisdizione penale era competente per ordinare la confisca del terreno illecitamente trasformato, a condizione di aver accertato che la trasformazione fosse effettivamente illecita.

Il tribunale poteva quindi adottare una misura simile a quelle che potevano essere prese dalle autorità amministrative. Si pone quindi il problema di sapere se, nella fattispecie, la confisca debba essere considerata come una sanzione inflitta alle società ricorrenti, o se debba essere paragonata alla linea giurisprudenziale sopra citata.

Non è inutile fornire qui alcuni elementi di comprensione del rapporto tra la Corte costituzionale e la nostra Convenzione. Nelle sue sentenze n. In Italia, la Convenzione si trova, nella gerarchia normativa, in posizione sovralegislativa, cioè al di sopra delle leggi ordinarie. Tuttavia, in pratica, questa analisi della Corte costituzionale implica che i giudici nazionali possono sospendere qualsiasi procedimento afferente a una legislazione nazionale contraria alla Convenzione e sottoporre alla Corte costituzionale una questione di regime natman 10 jours prima di pronunciarsi sulla causa.

La Corte costituzionale ha modificato la propria prassi in risposta alle decisioni della nostra Corte in materia di sentenze in absentia decisione n. La revolutio della sentenza n. Le conseguenze della sentenza n. Quale dialogo giudiziario? Girondamentre avevo votato in senso opposto nella causa Varvara. In terzo luogo, nella sentenza n. Non ritengo che ignorare le critiche rivolte da alcune corti supreme e costituzionali alla Corte di Strasburgo e alla sua giurisprudenza possa giovare a un dialogo giudiziario sincero.

Questa volta le cose sono diverse. Il messaggio trasmesso dalla presente sentenza non è né sibillino né esitante, ma al contrario è forte e chiaro: tutte le sentenze della Corte hanno lo stesso valore giuridico, la stessa natura vincolante e la stessa autorità interpretativa [3].

Nelle sentenze pioniere n. Su questa base costituzionale, la Corte costituzionale ha ritenuto che la Convenzione fosse una norma di rango intermedio tra la legge ordinaria e la Costituzione e ha affermato il suo monopolio sul regolamento di ogni conflitto tra la Convenzione e il diritto interno. Il suo discorso relativo alla collocazione formale dei trattati internazionali nella gerarchia italiana delle fonti di diritto sottolineava, senza ambiguità, il rango sovralegislativo della Convenzione.

La Corte costituzionale doveva quindi valutare se la disposizione della Convenzione in questione, come interpretata dalla Corte, fosse compatibile con la Costituzione e in tal caso, doveva esaminare se la legge controversa fosse compatibile con la Convenzione. Non si poteva quindi affermare che esisteva un ordinamento giuridico esterno il quale, tramite i suoi organi decisionali, adottava omisso medio delle norme aventi forza vincolante per tutte le autorità interne.

Quindi, non vi erano limiti alla sovranità nazionale. Di conseguenza, le persone non potevano beneficiare direttamente della tutela offerta dalla Convenzione [14]. Tuttavia, sempre secondo la Corte costituzionale, spettava ai giudici comuni interpretare la norma interna conformemente alla Convenzione e alla giurisprudenza della Corte. In caso di dubbio sulla compatibilità della norma interna con la Convenzione, il giudice comune era tenuto a sollevare una questione di legittimità costituzionale e adire la Corte costituzionale.

Il dualismo anzilottiano vecchia maniera era ancora presente, poiché la Convenzione era, come ogni altra legge, chiaramente posta sotto il controllo attento della Corte costituzionale. La conseguenza di questo ragionamento è che il confronto tra tutela convenzionale e tutela costituzionale dei diritti fondamentali deve essere effettuato mirando alla massima espansione delle garanzie, anche attraverso lo sviluppo delle potenzialità insite nelle norme costituzionali che hanno ad oggetto i medesimi diritti.

Nel diritto costituzionale, il controllo di costituzionalità imposto alle norme convenzionali, come interpretate dalla Corte, non è nemmeno limitato a qualsiasi serie di norme o interessi costituzionali fondamentali specifici. Tale argomentazione racchiude implicitamente due critiche riguardo alla natura della giurisprudenza della Corte, che sono state chiarite nella successiva giurisprudenza costituzionale. Da una parte, per la Consulta, le sentenze della Corte sono troppo specifiche al caso in esame e atomistiche [33], poiché dipendono strettamente dal contesto e dalle circostanze della causa.

Nella sentenza Maggio e altri c. Italia [40], la Corte di Strasburgo ha contraddetto la sentenza n. Tale divergenza di opinioni tra Strasburgo e Roma ha portato la Corte costituzionale a rivedere, con implants mammaires apres 10 ans gratuit sentenza n.

In seguito, nelle cause Cataldo e altri c. Italia[41] e Stefanetti e altri c. Italia [42], la Corte ha chiaramente affermato che manteneva la sua posizione. Tra lo Scilla della soluzione del confronto diretto con la Corte di Strasburgo, come proposta dalla Corte di cassazione [53] e il Cariddi della subordinazione diretta alla Corte, come suggerita dal Tribunale di Teramo [54], la Corte costituzionale ha cercato una via di mezzo, che pone la sentenza Varvara nel contesto di un flusso progressivo e continuo di giurisprudenza [55] che non sempre rivela chiaramente il principio in base al quale è stata definita la causa [56].

La Corte costituzionale ha rammentato il principio che impone al giudice comune di uniformarsi alla giurisprudenza della Corte. Come proclama la sentenza Sud Fondi [64], e come hanno ammesso i Giudici delle leggi [65], il principio di legalità contiene il principio nulla poena sine culpa, che deve essere accertato sia la culpa che la poena entro i termini previsti dalle norme di prescrizione pertinenti.

Mentre la sentenza Sud Fondi [69]ha stabilito il principio nulla poena sine culpa, la sentenza Varvara ha riconosciuto la prescrizione come parte integrante del principio di legalità.

A mio parere, è inaccettabile che la Corte costituzionale utilizzi contra reum una teoria sviluppata dalla Corte proprio a vantaggio di questa persona. In tal modo si inverte il principio di sussidiarietà del diritto penale per poter infliggere la punizione dopo la prescrizione.

In altre parole, il sistema di giustizia penale svolge funzioni amministrative. Rimangono quindi molte domande senza risposta, e che non sono state neppure poste.

Nella tensione weberiana tra Wertrationalität razionalità per valori, o assiologica e Zweckrationalität razionalità per scopii giudici, internazionali o nazionali, devono sempre tendere verso la prima e non verso la seconda, che rientra nella politica. Si ritiene che per certi versi questa sentenza sia più un esercizio di razionalità per finalità che un esercizio di razionalità per valori.

Va da sé che i rappresentanti della legge in generale, e i tribunali in particolare, hanno una vita molto più facile con il regime della confisca senza condanna per reato prescritto. Ma questo ragionamento è pura razionalità per scopo. La Corte ha sempre rifiutato questa analogia. Trarre insegnamento dalla storia permetterebbe a volte di non ripetere gli stessi errori più e più volte.

Questa conclusione dovrebbe essere confermata dalla struttura della Corte cinque sezioni con un meccanismo di deferimento alla Grande Camera e dai suoi metodi di lavoro opinioni dissenzienti. Le procedure e i criteri con cui il sistema giudiziario italiano fa rispettare la Convenzione rientrano nella sfera del diritto interno, di cui la Corte non deve occuparsi.

A sostegno di questa lettura, citano il rapporto esplicativo del Protocollo n. Le giurisdizioni degli Stati membri e il pubblico in generale devono potersi aspettare che la Corte rispetti le sue decisioni e sentenze precedenti in tutte le cause che comportano circostanze di fatto simili, per quanto numerosi possano essere i precedenti [92]. In realtà, esse confermano essenzialmente la giurisprudenza precedente che è stata pronunciata nei confronti della parte contraente convenuta o di altre parti contraenti [94].

Per la Corte, qualunque sia la categoria alla quale appartiene il collegio giudicante competente, ciascuna delle sue decisioni definitive diventa res judicata tra le parti della controversia e res interpretata nei confronti di tutte le parti contraenti. Questo principio priva la sentenza n. La Corte, infatti, respinge la nozione di diritto consolidato dj anual regimen especial minero è alla base di tale sentenza.

Questo lavoro comparativo è, tuttavia, un esercizio intellettuale che non ha nulla di ovvio né di innocente. Inoltre, ritenere che le opinioni dissenzienti riducano in qualche modo la forza giuridica delle sentenze equivarrebbe a conferire ai singoli giudici un potere che essi non possono logicamente detenere, o essere tenuti a detenere, in un organo collegiale come la Corte.

Tale criterio non trova neppure fondamento nella Convenzione. Le sentenze definitive emesse dalle camere non devono essere ratificate dalla Grande Camera per avere pieno valore giuridico. La forza giuridica di una sentenza di Grande Camera è esattamente la stessa di quella di una sentenza della camera. Una situazione del genere si verificherebbe ogni volta che un giudice nazionale ritenesse che la Corte di Strasburgo abbia applicato erroneamente a uno Stato un principio giuridico da essa ritenuto applicabile a un altro Stato.

Indipendentemente dal punto di vista da cui viene analizzato, questo quinto criterio si basa su ipotesi errate. Va tuttavia sottolineata una differenza importante. Nei tre anni trascorsi dalla sentenza n. Nella sua sentenza n. In altre occasioni, la Corte costituzionale si è limitata a fare riferimento alla mancata applicazione delle sentenze della Corte di Strasburgo sulla base dei criteri stabiliti nella sentenza n.

Pertanto, nella sentenza n. Tuttavia, il Giudice delle leggi ha osservato che la sentenza Stefanetti c. Tutto è possibile. In poche parole, allo stato attuale della giurisprudenza costituzionale italiana, la Costituzione e la Convenzione contengono cataloghi di diritti fondamentali che sono tra loro correlati e che devono essere articolati al fine di massimizzare la tutela dei diritti convenzionali e costituzionali.

In caso di conflitto tra il diritto nazionale e la Convenzione, spetta alla Corte costituzionale risolverlo, in quanto i giudici ordinari non possono rifiutarsi di applicare una norma nazionale incompatibile. Le linee di faglia politiche di ieri spariscono a vantaggio dei partiti estremisti e dei movimenti populisti che sono emersi nelle due estremità dello spettro politico.

Uno dei principali punti comuni tra tali partiti e movimenti è il fiume senza precedenti di sproloquio bellicoso contro la Corte, fondato su informazioni errate, inesatte e facili da confutare. In questi ultimi anni, il risentimento contro la Corte ha raggiunto un livello allarmante, che attizza una rabbia settaria contro il sistema della Convenzione stesso.

A forza di ripeterle, queste idee hanno finito per acquisire una finta credibilità. Questa retorica è impregnata di idee trite e ritrite su una Europa che subisce gli attacchi delle forze quasi eretiche della modernità e dei governi costantemente assediati da organizzazioni internazionali dalle mire politiche in costante aumento.

Sostanzialmente, la Corte ha saputo cogliere questa opportunità. È vero che la maggioranza nega che la confisca urbanistica costituisca una sanzione amministrativa, ma non offre alcuna discussione credibile sugli argomenti contrari opposti dal governo convenuto, che continua a definire tale provvedimento come una misura di natura reale e di carattere ripristinatorio [].

È vero che conferma il principio nulla poena sine culpa sancito nella causa Sud Fondi []. A questo proposito, la presente sentenza è attuale. Per di più, nel suo sforzo apparente di salvare a qualsiasi prezzo la confisca urbanistica senza condanna nel caso del sig.

Gironda, la maggioranza si contraddice. Non riesco a comprendere perché la maggioranza non applichi il suo stesso criterio nel caso del sig. In ogni caso, in fin dei conti, la confisca urbanistica senza condanna non è salva in quanto contravviene sempre alla presunzione di innocenza, come riconosce la Grande Camera in maniera quasi unanime [].

Per ogni oncia di critica rivolta alla Corte vi è una libbra di elogio. In una Europa in cui fin troppe persone si sono misurate con enormi sofferenze e hanno beneficiato solo di scarse opportunità, la Corte ha molto spesso portato la fiaccola del progresso, promuovendo la causa delle minoranze, degli emarginati, degli esclusi, dei denigrati, dei nullatenenti, dei diseredati, dei reietti, dei paria, di tutti quei figli di un dio minore dimenticati dai governi e dai tribunali nazionali.

Ben al di là delle presunte violazioni dei diritti civili e politici fondamentali, la Corte ha tonnage tax regime netherlands la voce di coloro che appartengono ai gradini più bassi della piramide sociale, che si sentono messi da parte, la cui aspirazione al miglioramento è soffocata da un sistema di istruzione pubblica impoverito, strangolata da un sistema sanitario pubblico carente di fondi e di personale, e dimenticati da un sistema giudiziario oberato, spesso indifferente.

Alcuni leader spingono la popolazione verso gli istinti più bassi e nutrono la loro base politica di argomenti aggressivi su temi delicati come le politiche in materia penale, di immigrazione o di minoranze. Tali idee hanno nuova presa e sono difese da una massa immatura quanto i suoi leader. Le lezioni della storia non potrebbero essere più lontane dal loro spirito.

Domare la Corte è una sfida per le loro crescenti ambizioni. Non lasciamoci invischiare in un gergo giuridico e in tecnicismi. Il margine di reazione della Corte è sempre più ridotto. Alcune autorità nazionali stanno puntando sul fallimento del sistema europeo dei diritti umani, e non si fermano dinanzi ad alcun tabù.

Il fatto che, nella sua sentenza che ha aperto la porta a tale legge [], la Corte costituzionale russa abbia citato come fonte di ispirazione, tra le altre, la sentenza n. Quando cedono i più forti tabù, come è accaduto nel dicembrenulla si oppone al crollo dei più deboli. Nella loro lotta finale contro il diritto internazionale e le giurisdizioni internazionali, i cavalieri del campanilismo saranno fermati solo da un solido ragionamento giuridico basato su principi, che possa allo stesso tempo denunciare il loro discorso altezzoso ed egoista, convincere la comunità giuridica e placare i timori della classe popolare.

È una lotta per delega tra partigiani e oppositori del diritto internazionale. In particolare, i giudici nazionali devono interpretare e applicare il diritto nazionale conformemente alla Convenzione e alla giurisprudenza della Corte. Essendo una conseguenza del principio di sussidiarietà, questa norma si applica anche al di fuori degli stretti limiti degli articoli 41 e 46 della Convenzione, che riguardano principalmente i rapporti tra le parti della controversia.

Questa è la conseguenza delle considerazioni sopra espresse relativamente alla sussidiarietà. Se la violazione è dovuta a un problema strutturale, lo Stato convenuto deve, al contrario, adottare le misure generali appropriate per porvi rimedio al fine di evitare che la stessa violazione possa colpire altre persone. Certo, non è escluso che talvolta sia necessario chiarire il significato di talune sentenze. Non si tratta più di una semplice enunciazione dottrinale, ma di un principio giuridico a se stante, giudizialmente sancito e che disciplina gli effetti delle sentenze della Corte.

In tal senso, la sentenza della Corte ha un effetto erga omnes nei confronti di tutte le parti contraenti, anche se è stata pronunciata solo nei confronti di una o di alcune di esse []. Questi obblighi si estendono al diritto costituzionale degli Stati parti alla Convenzione.

In termini dogmatici, dal punto di vista di Strasburgo, la distinzione superata tra ordini costituzionali monistici e dualistici è divenuta senza oggetto e non ha alcun effetto sul carattere vincolante della Convenzione, come interpretata dalle sentenze della Corte, nel diritto interno delle Parti contraenti [].

Se le Parti contraenti vogliono una Corte di Strasburgo abbastanza forte per resistere alle autorità nazionali che sono grundrechtsfeindlich ostili ai diritti umaniallora dovranno affrontarla anche quando busserà alla loro porta.

È opportuno osservare che la Corte costituzionale italiana ha già recepito molti dei principi della Convenzione nel diritto interno, elaborando una teoria costituzionale dei diritti fondamentali sensibile alla Convenzione.

Per maggiore precisione, la Convenzione è un trattato normativo multilaterale dotato di un meccanismo centralizzato e autorevole di definizione dei criteri e un sistema di garanzia collettiva []. Dopo la sentenza Scoppola n. Nella sua esemplare sentenza n. Una tale apertura al diritto internazionale è in effetti una caratteristica della tradizione giuridica e della civiltà romane.

Tuttavia una teoria costituzionale dei diritti fondamentali sensibile alla Convenzione oggi non è più sufficiente. Si ha bisogno di una teoria costituzionale che privilegi la Convenzione, fatto diverso e più esigente. Da un punto di vista assiologico, anche se la Convenzione e la Costituzione sono sullo stesso piano, la prima prevale sulla seconda in caso di conflitto inevitabile. La teoria costituzionale deve fondarsi su questo principio di base, soprattutto in un momento in cui la natura intrinsecamente contro-maggioritaria dei diritti umani è dimenticata da alcuni legislatori, da alcuni giudici e da altre autorità pubbliche nazionali.

Le giurisdizioni nazionali possono andare oltre il livello di tutela accordato al ricorrente dalla Convenzione, ma non possono rimanerne al di sotto, nemmeno invocando un esame sistemico di altri interessi costituzionali in gioco.

Di conseguenza, le corti costituzionali e supreme sono chiamate ad interpretare le sentenze della Corte e a confrontarle con il contesto costituzionale nazionale in cui saranno applicate.

Le corti supreme e costituzionali non dovrebbero fungere da organo di appello per il governo convenuto contro le sentenze emesse a Strasburgo a favore del ricorrente. Le corti supreme e costituzionali non dovrebbero dare al governo una seconda [] o addirittura una terza [] possibilità di ridiscutere una causa dopo aver perso a Strasburgo.

Si tratterebbe di una distorsione astrusa del sistema della Convenzione. Lo status della prescrizione ne è un buon esempio. Queste domande non sono retoriche. Se è vero che, come giustamente afferma la sentenza n. Entrambi i diritti limitano la sovranità dello Stato. Su questa base dottrinale vacillante, la maggioranza sceglie di discostarsi dalla sentenza Varvara nei confronti del sig. Questa posizione è al passo coi tempi. In fin dei conti, la confisca urbanistica senza condanna non è salva in quanto contravverrà sempre alla presunzione di innocenza, come ammette la maggioranza stessa.

I principi enunciati nella sentenza n. Tutto il sistema della Convenzione è in pericolo. La presente opinione è una perorazione per il principio di universalità dei diritti umani. In Europa, la Corte è la prima interprete di questa universalità. Tuttavia, la sua autorità interpretativa viene rimessa in discussione e le sue sentenze non vengono eseguite da alcune autorità nazionali, in particolare da alcune corti costituzionali e supreme.

È necessario superare questo atteggiamento diffidente []. È tempo di svegliarsi di fronte al rischio sistemico senza precedenti che il sistema europeo dei diritti umani si trova a dover affrontare. Introduzione 1. Non possiamo sottoscrivere buona parte della sentenza. A nostro avviso, la maggioranza perde una buona occasione per avviare un dialogo costruttivo con la Corte costituzionale italiana e correggere la giurisprudenza della Corte.

Secondo noi, non si tratta di una questione fondamentale. Breve excursus storico dei rapporti tra la Corte europea e gli organi giudiziari italiani 3. Per comprendere bene la posta in gioco nella presente causa, è importante evidenziare il modo in cui la Corte ha trattato la questione delle misure di confisca in materia di lottizzazioni abusive in Italia, e il modo in cui i giudici italiani hanno reagito alle sue sentenze.

I giudici italiani hanno cercato di allinearsi per quanto possibile ai principi della giurisprudenza della Corte, e al tempo stesso di rispettare le scelte politiche del legislatore.

Prima della decisione emessa dalla Corte nella causa Sud Fondi [1], la situazione nel diritto italiano era abbastanza chiara. Tali misure miravano al ripristino della legalità, né più né meno. Non vi era alcun elemento punitivo. Questo sistema di azione amministrativa è ancora in vigore articolo 30, commi 7 e 8 del Testo unico in materia edilizia, menzionato nel paragrafo della sentenza.

Fino ad oggi, sembra che esso non sia oggetto di alcuna controversia tra la Corte e le autorità interne. Come affermato dalla Corte di cassazione nella sua domanda del 20 maggio volta ad ottenere una decisione preliminare della Corte costituzionale cui si fa cenno nel paragrafo della presente sentenzarisoltasi con la sentenza n. Poi è intervenuta la decisione della Corte nella causa Sud Fondisopra citataseguita dalla sentenza emessa nel merito in quella causa [3].

Questo sviluppo è sottolineato anche nelle osservazioni del Governo. Occorre osservare che, nella sentenza n. Come sottolineato dalla Corte costituzionale nella sentenza n. Tuttavia, i giudici nazionali non hanno cambiato idea quanto alla natura della confisca ai sensi del diritto interno. Ci si aspettava che i giudici italiani reagissero nuovamente a questa sentenza della Corte.

Il primo punto di tale postulato erroneo è pertinente nella nostra causa. Quale conclusione possiamo trarre da questo excursus? Con la sentenza Varvara, la Corte ha fatto un passo ulteriore. Questa volta, vi erano reali preoccupazioni in seno al sistema giudiziario italiano, incluso alla Corte costituzionale.

Ci rallegriamo che la maggioranza non si sia spinta tanto lontano quanto la sentenza Varvara. Tuttavia, ci dissociamo dalla sua conferma del ragionamento della giurisprudenza Sud Fondi, come spiegheremo di seguito nel dettaglio. Articolo 1 del Protocollo n. I beni dei ricorrenti sono stati confiscati.

Abbiamo votato con i nostri colleghi a favore di una constatazione di violazione di tale disposizione. A nostro avviso, la Corte avrebbe dovuto prendere posizione chiaramente. Le confische disposte nel caso di specie erano una reazione alla violazione delle norme urbanistiche interne. Italia [GC], n. Per quanto riguarda la legittimità della misura in questione, la maggioranza non si pronuncia paragrafo della sentenza. A nostro avviso, non vi è alcun motivo di dubitare che questa prima condizione sia soddisfatta.

Certo, il successivo comportamento delle autorità municipali era forse inatteso paragrafi della sentenzama, a nostro avviso, comunque ininfluente sulla giustificazione delle decisioni dei tribunali. Inoltre, a parte la restituzione alla società G. Concordiamo con la maggioranza che il sistema italiano non consente di raggiungere un buon equilibrio tra gli interessi.

Indipendentemente dal fatto che la confisca sia una misura imposta automaticamente non appena sia accertata la natura abusiva della lottizzazione e indipendentemente dal fatto che, nel caso di specie, le società ricorrenti non fossero neanche parti nei processi paragrafo della sentenzagiudichiamo inaccettabile che non sia stato accertato in alcun modo se la confisca facesse o meno gravare un onere sproporzionato sul proprietario.

Questo è per noi un elemento particolarmente rilevante, dal momento che la lottizzazione abusiva riguardava solo una parte dei terreni di cui era stata disposta la confisca.

La maggioranza dichiara ricevibili il motivo di ricorso della G. Articolo 7 della Convenzione 1. Applicabilità A nostro avviso, sarebbe stato meglio fare un passo indietro e lasciare che le misure di confisca conservassero le loro caratteristiche fondamentali, che noi non giudichiamo di per sé incompatibili con la Convenzione.

Noi avremmo adottato un altro approccio. Cipro [GC], n. In altre parole, è basandosi sulle caratteristiche attribuite a una misura dal diritto interno che la Corte deve dare a tale misura la sua qualificazione ai sensi della Convenzione. E compete ai giudici interni rendere comprensibile il significato del diritto interno pertinente Hutchinson c.

Ungheria [GC], n. Croazia [GC], n. La maggioranza riconosce che le confische in questione non sono state imposte a seguito di condanne per reati paragrafi della sentenza. Non lo contestiamo, purché esistano argomenti convincenti in senso inverso.

Ora, secondo noi, non esiste alcun argomento del genere. Un tale legame tra la misura e il reato è a nostro avviso troppo vago e troppo distante. A prima vista, potrebbe trattarsi di un argomento solido. Ora, a un esame più attento, noi non pensiamo che se ne possa trarre il minimo argomento.

In secondo luogo, il Testo unico in materia edilizia è il frutto di una codificazione delle disposizioni di legge vigenti per mezzo di un decreto presidenziale decreto n. È quindi opportuno soffermarsi sulle disposizioni iniziali in materia di sanzioni penali e di confische, come enunciate nella legge n. Gli articoli 19 e 20 di questo testo operavano una netta distinzione tra, rispettivamente, le misure lifting visage toulon 51130 confisca e le sanzioni penali.

La confisca non figurava tra le sanzioni penali paragrafi e della sentenza. Pertanto, concordiamo con il Governo quando afferma che gli autori della qualificazione hanno fatto un errore paragrafo della sentenzae riteniamo che tale errore non possa avere la benché minima conseguenza sulla codificazione della misura di confisca. Infine, è lecito dubitare che la formulazione del titolo di un articolo in una legge o in un regolamento possa avere una qualche rilevanza.

La maggioranza fa poi riferimento alla natura e alla finalità della confisca, affermando che la confisca dei beni dei ricorrenti aveva un carattere punitivo paragrafi della sentenza. Non sono tornati sul loro esame della natura di una confisca, secondo il quale, in particolare, una tale misura non era punitiva. Ma non avviene forse la stessa cosa per le altre misure non punitive volte al ripristino della legalità? Il diritto amministrativo è costellato di misure non punitive volte a prevenire le irregolarità e a porre fine alle situazioni illegali.

Come affermato dalla Corte costituzionale nella sentenza n. La maggioranza attribuisce alla confisca una finalità che non corrisponde a quella prevista dal legislatore. La maggioranza si basa peraltro sulla gravità degli effetti di una confisca. Paesi Bassi dec. In poche parole, il fatto che una confisca sia una misura gravosa non implica necessariamente che sia di natura punitiva.

La maggioranza menziona infine le procedure di adozione e di esecuzione di una misura di confisca paragrafi della sentenza. Essa osserva innanzitutto che la misura viene disposta dai giudici penali paragrafo della sentenza. Del resto, non è inusuale che dei giudici penali emettano decisioni di natura non penale. Ad ogni modo, la Corte deve andare oltre le apparenze paragrafo della sentenza.

La maggioranza non sembra prestare la minima attenzione alla particolarità delle misure di confisca in questione [10]. A noi pare che non si possa replicare alla sostanza di questo argomento, che condividiamo pienamente. Il motivo di ricorso fondato su questa disposizione avrebbe dovuto pertanto essere dichiarato incompatibile ratione materiae con le disposizioni della Convenzione.

Ecco perché noi abbiamo votato a sfavore della ricevibilità di questo motivo di ricorso. Gli assegni di cura sono erogati per il pagamento di assistenti personali assunti direttamente dalla persona non autosufficiente o dai suoi familiari. Convenzioni di inserimento lavorativo ai sensi della legge n. Autorizzazione all'esonero parziale dagli obblighi occupazionali ex L. SL Nel decorso anno era stato approvato l'avviso n. La Compagnia di assicurazione, dopo aver effettuato gli accertamenti di sua competenza sulla base degli obblighi contrattuali assunti, valuta se vi sono o meno gli estremi per accogliere la richiesta e liquidare il danno.

Lgs 7 settembren. Autorizzazione Unica Ambientale. Di norma si tiene una sessione d'esame all'anno. Dans ce cas, le demandeur ne doit respecter aucune condition de logement, ni de revenu. Secondo quanto stabilito nelle definizioni art.

Dal ricevimento della suddetta comunicazione il soggetto ha tempo 15 gg. Autorizzazione richieste da produttori e concesse secondo una distribuzione proporzionale degli ettari in base alle superfici richieste e al massimale stabilito. Ladite autorisation est valable un an.

La Regione interviene a concedere la cassa in deroga previo esame congiunto con le parti sociali, autorizzando l'Inps all'erogazione. Dal non sono interessate al procedimento imprese valdostane. Chabod" d'Aoste. Il procedimento si attiva a richiesta di parte salvo che nel caso di corso co finanziato dalla Regione e per quanto concerne gli operatori della formazione la Struttura regionale competente si impegna, trail rides fort collins presenza di almeno una domanda, a garantire lo svolgimento di una sessione di certificazione per anno.

Nel caso 2. Les informations attestent l'absence de tentatives d'infiltration de la mafia, aux termes de l'art. PEC: antimafia. Esso si configura quale strumento attuativo della deliberazione della Giunta regionale n. Gli incarichi possono essere di natura professionale e avere per oggetto consulenze, studi e indagini, collaborazioni tecniche di alta qualificazione.

En regard de cette permanence, la rupture se situe sur le plan économique. Cette triple transformation spatiale et sociétale qui caractérise le processus de métropolisation dans le cas marseillais met à mal non seulement le modèle de gouvernance antérieur mais la capacité même à gouverner le territoire métropolitain.

Il est vrai que les activités portuaires pèsent encore pour plus de Au cours des dernières décennies la ville centre a perdu de la population, mais en revanche la conurbation a enregistré une densification importante face à la baisse de la population des centres.

Néanmoins, la région napolitaine est encore polarisante. Une politique purement symbolique qui perd du consensus au fil des jours. En général, même dans le débat sur la constitution de la ville-métropole un nouvel organisme qui va remplacer la province est opposé même pour le rôle de leadership du nivea anti cellulite q10 de Naples prévue par la loi.

Nous sommes en présence de une typologie de planification toujours en difficulté pour toutes les politiques publiques. Le système politique des partis et des autres organisations secondaires est en crise profonde et contraint de passer par une redéfinition profonde des alliances, des formules.

En général, grâce aux études mises en place dans les dernières années nous nous rendons compte quele rôle que les études traditionnelles donnaient à la base économique dans la dynamique de développement du territoire est largement modifié. Il faut remarquer, par exemple, la croissance du commerce des marchandises et des passagers dans le port de Naples. Le rôle du port a été important dans certains périodes. Au delà des rhétoriques, Naples ville portuaire est donc une image pas du tout correspondante à la réalité.

Une et résilience. De la Campania felix à la terre des feux2. Le grand poids de la stigmatisation semble aller du centre-ville vers les périphéries Scampia, Casal di Principe, la terre des feux, etc. La rhétorique de la ville portuaire au centre de la Méditerranée est constamment relancé par certains chercheurs et praticiens.

Des relations avec le Sud sont plutôt mises en évidence dans le domaine culturel musique, cinéma, littérature. Les pièces de ce puzzle sont des différents paysages urbains qui sont liés à des différentes formations socio-économiques. En direction des zones externes entrent en jeux des groupes des petites et moyennes villes, les couronnes des banlieues, des fragments de terres agricoles, les friches industriels et agricoles, des zones contaminées à assainir, morceaux du tertiaire que la crise a dévasté en les rendant obsolète.

Des combinaisons possibles des dimensions mentionnées et des chantiers de la ville consolidée naissent et se rassemblent au bord des zones urbaines, en créant une synthèse métropolitaine de construction dense et étendue dispersé parfois entrecoupée de fragments de campagne enclavé.

Notre hypothèse est détecter possibles perspectives pour analyser les transformations spatiales dans les dernières vingt années caractérisées par la crise de la ville fordiste. Ce plan, un fois échoué, a eu de mauvais résultats pour chacun des principaux domaines traités par les variantes. Même les programmes qui suivent la définition par quer le désastre écologique en Campanie. Un domaine dans lequel le gouvernement national a mis en place un commissaire qui bypasse la ville par les choix qui seront faits.

Dans la grande et petite échelle, Naples est présenté comme une zone urbaine, dans des conditions structurelles très difficile: les classes sociales, les décideurs, les chefs de gouvernement et les entrepreneurs, ne développent pas une dietetique maigrir usa qui puisse donner confiance et un sentiment de citoyenneté avenir.

Ceci avec une réduction significative des financements publics disponibles et des difficultés sévères botox jura impressa dépenses des financements européens.

Un défi qui secoue ses poignets. Il doit dans le même temps réduire la fragmentation politique, réconcilier la ville centre et son aire métropolitaine. Voilà qui singularise le pari métropolitain marseillais! Tout ça a entraîné un profond sentiment de stagnation et de blocage dans la crise.

Références bibliographiques Amato F. Amato F. Politiche dinamiche attori, Franco Angeli, Milano, pp. Amin A. Ripensare la dimensione urbana, Il Mulino, Bologna, edizione originale Anselme M. Notes surla dynamique urbaine de quelques métropoles méditerranéennes, Cerfise, Marseille. Behar D. Colin, Paris, pp. Calafati A. Casucci S. De Lucia V. Di Gennaro A. Halbert L. Laino G. Lirzin F. Logan J. Maisetti N. Mattina C. Peraldi M. Enquête sur les mondes politiques marseillais, La Découverte, Paris.

Roncayolo M. Soja E. Per una critica della geografia urbana e regionale, Pàtron, Bologna, edizione originale Temime E. Histoire des migrations à Marseille, Édisud, Aix-en-Provence. Viard J. Zalio P. PGrandes familles de Marseille au XXe siècle. En Italie, la création des villes métropolitaine, en projet depuisest désormais entérinée dans la loi. A travers leurs discours et leurs pratiques, les acteurs des différents échelons Communes, Province et Région sont amenés à se positionner vis-à-vis de la construction de cette maille territoriale.

In Italy, the creation of Metropolitan Cities, which has been discussed sinceis now confirmed by law. Through their speeches and their practices, the institutional actors of local and regional authorities are remodeling their relative positions on this new basis.

Emilia-Romagna is known to be a polycentric region and most of its politician leaders belong to the same political party the Partito Democratico. In this context marked by the dialectical relation between polycentric development and metropolization, the relationship between the regional institution and the rising Metropolitan City takes various forms. As the State decided to impose the shape of the old provincia, there is no longer competition for the definition of the boundaries of the Metropolitan City, but the draft of the metropolitan status could be a new pretext for the institutions to compete.

However, communications are more focused on the idea of a complementarity between the Region and the Metropolitan City. In particular, they both use the same ideas to build a sense of territorial identity. In Italia, dopo ben 25 anni di dibattito, la creazione delle città metropolitane, è ormai legge.

Nei loro discorsi e nelle loro attività, gli attori politici, a tutti i livelli di governo Comuni, Province e Regionistanno modificando le loro relative posizioni in merito alla costruzione di questa nuova realtà territoriale.

La loi Delrio, promulguée le 8 avrilinstitue après près de vingt-cinq années de gestation un nouvel échelon administratif pour la gestion du fait métropolitain.

Se pose alors rapidement la question de la délimitation territoriale de cette nouvelle maille. En Emilie-Romagne comme ailleurs en Italie Rivière,le consensus sur les limites administratives de cette maille a tardé à se faire. Figure 1 Le système urbain de la Via Emilia. Les liens qui unissent Bologne et Imola sont assez complexes: historiquement, Imola ne faisait pas partie du contado de Bologne, ni de la province napoléonienne du Reno.

La commune de Bologne quant à elle compte un peu plus de Barbera, R. Zangheri, F. Bassanini, F. Piro et P. Vitali et le ministre G. Del Rioles hommes politiques qui défendent la naissance des villes métropolitaine sur la scène nationale sont presque toujours émiliens. Lors de leurs prises de paroles9, les différents acteurs politiques revendiquent le rôle de charnière joué par Imola entre les systèmes émiliens et romagnols.

Raccagna, un responsable de la branche locale du PD, dans son interview publiée le Déjà quelques années auparavant W. A quoi est dû ce revirement? Ce discours fait écho anti ride trop jeune documents de planification qui précèdent le retour au premier plan de la question métropolitaine Belli et Mesolella En est rédigé le Schéma de développement du territoire régional, un document préliminaire contenant les orientations pour la mise à jour du Plan Territorial Régional alors en vigueur.

Dans notre entretien, D. A quel moment a eu lieu ce basculement dans la représentation du développement territorial de la région? Le territoire régional compte 4 aéroports dont 3 sont très largement déficitaires, la plupart des villes disposent de leur propre parc des expositions et. Au-delà du discours politique, la presse en est un bon reflet.

Les raisons évoquées pour justifier ce changement de perspective sur le territoire régional tiennent avant tout du contexte économique. On constate donc une forte similarité dans les référents identitaires évoqués par les acteurs des deux niveaux de gouvernement, la Région et la métropole à naître. Ce règlement a très vite trouvé un écho chez les dirigeants de la municipalité de Bologne puisque celle-ci a présenté en février dernier un règlement communal17 sur la citoyenneté active et la participation.

Le projet de cette association, qui a fédéré six collectivités locales dont la commune de Bologne18seize autres associations de la société civile et a bénéficié du soutien de la Région au titre de la loi régionale sur la participation évoquée ci-dessus, bloquant de fait les délibérations des institutions en la matière.

Ce qui tend à relativiser la portée réelle du phénomène de la participation politique au-delà des discours des acteurs politiques. Barigazzi, le chef de cabinet du maire de Bologne. Le projet de loi actuel a donc mis un terme aux possibles concurrences dans la délimitation du territoire de Bologne Métropolitaine et les différents acteurs peuvent désormais plancher sur la rédaction du statut de cette institution.

On remarque néanmoins dans les discours un gros effort pour ménager les susceptibilités de chacun, que ce soit pour évoquer la nouvelle prééminence de Bologne dans le système régional ou pour parler du rôle de la commune chef-lieu dans la Ville Métropolitaine.

Ville Métropolitaine comme un adversaire pour les autres villes. Références bibliographiques Belli A. Delpirou A. Fabbro S. Finzi R. Gambi L. Lefèvre C. Mistri M. Ramazza S. Tanter-Toubon A. Ce duo moderne est souvent opposé à un duo plus traditionnel constitué par la commune et le département, deux collectivités créées au moment de la Révolution française. Over the past four decades the scales of the region and the metropolis are at the heart of the French institutional evolutions.

This modern duo is often contrasted with a more traditional duo with the municipality and the department, two local authorities created during the French Revolution. Through a comparison between Paris and Marseilles the objective of this paper is to analyze the transformation of the French institutional landscapes related to the affirmation of these regional and metropolitan levels.

The gradual emergence of a Greater Paris and a Greater Marseilles is the result of a complex process.

Partita iva regime dei minimi e gestione separata inps

The State relied in part on local geopolitical dynamics to create future metropolitan areas designed according to the characteristics of these territories. I livelli della regione e della metropoli sono dai quattro ultimi decenni al cuore delle evoluzioni istituzionali in Francia. Poco a poco si costituiscono il Grand Paris e il Grand Marseille che sono il resultato di un processo complesso. Lo Stato si è basato in parte sulle dinamiche geopolitiche locali per creare future metropoli delineate in funzione delle specificità di questi territori.

A Paris, la décentralisation a été plus tardive et moins complète que dans le reste du pays. Pour les transports, la compétence est dévolue à la Région en contre pour les autres régions. Dans le cas de Marseille Douay ; Douayla question du rayonnement métropolitain est ancienne et renvoie à la fonction portuaire et au système colonial français Roncayalo, La Région a conservé le posent.

En Elle contribue nodans le pôle et 1. A Marseille, la Région est beau- distorsions importantes en matière de ressources coup plus étendue. Les coopérations techniques existent mais les Régions. Les configurations géopolitiques régionales sont dif- Enle général De Gaulle impose la création férentes entre Paris et Marseille. Gaston Deferre, maire de Marseille de présentant des départements de grande couronne, àpuis de à sa mort enrefuse sauf entre et avec Pierre-Charles Krieg cette solution, officiellement car les Ses présidents sont toujours éventuelle communauté urbaine.

Les trois premiers Les tentatives de regroupement institutionnel entre sont même marseillais. Ainsi, la différence de taille entre une commune-centre fragilisée de Les autres communes craignent donc de devoir payer pour la plus grande. Dans les deux territoires, le développement intercommunal est structuré par des enjeux similaires. Le premier enjeu est fiscal: certaines intercommunalités cherchent à capter les recettes du développement économique, comme autour de La Défense ou de la Plaine de France en Ile-de-France ou à proximité du port de Fos près de Marseille.

Le second enjeu est politique et institutionnel. Figure 2 Les périmètres possibles de la métropole du Grand Paris. Les ressources de ces métropoles seront importantes. À Paris, elles sont estimées à 3,9 milliards.

Par ailleurs, un pacte financier et fiscal définit les relations financières entre la métropole et ses communes membres. Dans ce contexte de réorganisations institutionnelles, le département a conservé un poids important. En Ile-de-France, les départements correspondent à un partage du territoire francilien, établi en pendant la présidence du général de Gaulle.

Quelle que soit la solution qui sera mise en place, ce revirement du gouvernement rapproche les futures métropoles du modèle unitaire avec une institution métropolitaine qui viendrait remplacer les intercommunalités et le département dans sa quasi totalité ou presque. Le transfert de la compétence en matière de transport ferré viendrait renforcer la capacité de la métropole a maitrisé le développement territorial.

Il en est de même pour le développement économique et la formation. De son côté, la Région aurait préféré une métropole calée sur son périmètre. Dans la perspective des élections départementales deil a promis de présenter des candidats face au PS dans tous les cantons.

Les départements et les métropoles sont en cours de rapprochement. La bataille entre Anciens et Modernes a donc encore de beaux jours devant elle. Références bibliographiques Béhar D.

Desjardins X. Da Silva J. Douay et A. Douay N. Guigou J-L. Mévellec A. Collin, M. Robertson dir. Motte A. Olive M. Roncayalo M. Au début duintégrée dans le tissu urbain, la ligne est définitivement fermée. Pantin est une commune située dans la banlieue nord-est de Paris, dans se maquiller pour cacher les rides département Seine-Saint-Denis.

Les dynamiques sont similaires en France et en Italie, mais avec des réponses différentes. Between France and Italy there are historical relationships and forms of mutualism, competition and conflict that found in the formation of the State a structured place of comparison. The Italian State, formed in the nineteenth century, took from France administrative and economic organizational models.

Today this transition needs a different organization, federal rather neo-federalist and neo-regionalist macro and trans-regional oriented towards the flexibility and the openness of the administrative and the economic systems. The relationship between economic development and administrative geography is the object of this paper.

The dynamics are similar both in France and in Italy, although with different answers. Tra Francia e Italia esistono da sempre legami storici e forme di mutualismo, competizione e conflitto che hanno trovato nella formazione degli Stati un terreno di confronto più strutturato.

In questo contesto, il cambiamento delle partizioni amministrative non è lineare, ma si muove verso nuove scale territoriali rescaling delle differenti comunità locali Comuni, Province, Dipartimenti, Regioni e nuovi rapporti tra lo Stato e il Mercato interno. Le dinamiche sono simili sia in Francia sia in Italia sebbene con risposte diverse. Questa differenza qualitativa ha importanti implicazioni per il fatto che la ripartizione funzionale attiene ai livelli ottimali di esercizio di attività e servizi relativi ai diritti di cittadinanza sanità, alloggio, lavoro, etc.

Le partizioni funzionali nascono dalle esigenze di programmazione e mirano a gestire i servizi inerenti i diritti fondamentali o a implementare le esternalità strade, energia, etc. Per contro, i ritagli identitari riguardano le scelte e sono espressione dei conflitti tra le diverse scale decisionali.

La dialettica tra sfera funzionale e identitaria definisce le modalità stesse di controllo del territorio; ridurre o aumentare il découpage o il maillage Raffestinabbassarne il rango, sopprimere o creare nuove partizioni, significa riorganizzare la struttura dei diritti e delle esternalità, se si tratta di funzioni, oppure modificare la forza dei livelli decisionali, se si tratta di ritagli identitari.

Nel corso di questo ultimo periodo, la stessa maglia, che aveva portato ordine alle diverse competenze e abolito usi e privilegi regionali, subisce un processo di ri-funzionalizzazione. È poi individuo particolare IIe quindi in relazione con altri individui particolari, il che dà luogo al diritto esterno degli Stati. Lo stesso albero gerarchico concepito come efficiente macchina di trasmissione delle istanze periferiche verso il centro di servizio è al contempo funzionale alla macchina decisionale dello Stato centrale verso la periferia.

Il disegno illuminista e napoleonico esprimeva quindi un cambiamento di prospettiva e poneva fine a quel progressivo assoggettamento di realtà politiche e territoriali multiformi, principati, ducati, marchesati, ecc. Individuiamo tre fasi che si sono dispiegate nel secondo dopoguerra della relazione tra lo sviluppo economico dei territori italiani e francesi e le forme amministrative di governo: 1.

Il dualismo economico, già preesistente sia in Italia che in Francia, assume alcune connotazioni importanti negli anni del dopoguerra. Gli squilibri territoriali tendono a prevalere e a costituire il motore dello sviluppo, in un periodo di forte crescita economica, demografica e sociale.

Requisiti in gran parte spontanei ma anche pianificabili nelle aree periferiche non ancora interessate, o interessate solo in parte, dai moderni processi di industrializzazione. Il disegno della Datar, non è diverso da quello del Ministero italiano del Bilancio e della Programmazione. In Francia il disegno ebbe successo e alle prime communautés, imposte hhn4 rides installées legge, ne seguirono altre di minore importanza sorte spontaneamente: la Communauté urbaine di Dunkerque, sorta nel sul modello di quella di Lille e per iniziativa di parlamentari locali, quelle di Creusot-Montceau e di Cherbourg della Communauté urbaine di Mans, delquella di Brest, del Le Regioni, previste dalla Costituzione del e sorte nelnon nacquero da una richiesta di autonomismo territoriale sebbene del tutto intrinseco nella proposta quanto dal bisogno di creare una partizione territoriale che fosse ostacolo a nuove e pericolose avventure centralistiche e autoritarie, sperimentate nel ventennio fascista.

Una riflessione simile avvenne anche in Francia col referendum su le projet de loi relatif à la création de régions et à la rénovation du Sénat svoltosi il 27 aprile del Il progetto mirava alla costituzione di un Senato solamente consultivo, espressione sia delle realtà economiche e sociali del paese sarebbe stato assorbito dal Senato il Conseil économique et social che di quelle territoriali.

In Italia la nascita delle Regioni avvenne nel nonostante fossero previste dalla Carta costituzionale delart. La proposta comprensorial-regionalista fu facilmente sconfitta.

Lasciata sola dalla politica, la proposta comprensoriale apparve una elaborazione top-down, non attenta alla governance reale dei processi e fortemente impregnata di un razionalismo sistemico-matematico completamente avulso dal contesto locale, della formazione del consenso nelle aree periferiche e lontana dal suo linguaggio valoriale e pragmatico.

Le descrizioni economiche individuarono nei distretti di piccola e media impresa PMI delle realtà territoriali in grado di essere motrici di crescita e sviluppo. Come è risaputo i distretti di PMI sono un agglomerato produttivo territorialmente definito con peculiari modalità di relazioni interne ed esterne che finiscono per costituire specifiche economie locali difficilmente riproducibili Becattini Lo Stato, sempre debole e incapace di strategia, rispose, con la L.

Le Città metropolitane soggetti in conflitto sia con le Regioni che con le Province restarono ovviamente solo sulla carta mentre le Province, molto più legate alle dinamiche produttive e di sviluppo dei territori, finiranno per ottenere uno statuto importante nella gestione dei servizi. Nel la Sardegna Regione autonoma creerà altre quattro Province e nel vedranno la luce altre tre Province. Sempre territori di distretti di PMI. Lo sviluppo periferico e la richiesta di autonomia legislativa, politica e finanziaria che in Italia si è espressa nel modello provincialista sostenuto anche dal partito federalista della Lega Nordguidato in gran parte dallo Stato centrale, in Francia si è espresso nel regionalismo e nel droits et libertés des communes, départements et régions.

È in tale contesto che la riforma amministrativa dello Stato diviene un pezzo importante del cambiamento, sia per quanto attiene la partecipazione dei cittadini alla formazione delle decisioni sia per individuare i driver dello sviluppo e i contenitori della coesione sociale e istituzionale.

Le città divengono la base di questo processo di omogeneizzazione interna, di partecipazione democratica e di competizione esterna. Nafta, Asean, Unasur, Remede pour renforcer les cheveux, Caricom, ecc. Lo Schema di Sviluppo dello Spazio Europeo del definisce in tal senso un modello di organizzazione del territorio europeo.

In Francia il policentrismo urbano si è espresso per mezzo della legge n. Le Città metropolitane sono oramai nate, dopo 25 anni di tentativi ed errori, come organi di secondo livello, mentre le Province vengono via via svuotate delle loro funzioni. Oggi quel rapporto sembra aver fatto il suo tempo. Il policentrismo metropolitano è sicuramente un modello di ricomposizione di territori di scala macroregionale e appare una risposta adeguata alla competizione globale.

Nascono infine le Métropoles e le Città metropolitane come nuove comunità locali su cui puntare per lo sviluppo e la coesione territoriale in coerenza con il processo di unificazione europea. Una unificazione ancora per molti versi incerta come incerte appaiono alcune scelte delle nuove organizzazioni amministrative. Riferimenti bibliografici Bagnasco A. Becattini G. Boudeville R. Coppola P. Hegel G. Ministero del Bilancio e della Programmazione EconomicaProgetto Rapporto preliminare al Programma economico nazionaleMinistero del Bilancio e della Programmazione Economica, Roma.

Perroux F. Raffestin C. Sestini A. The mobilization of business interests, more or less dependent on public actors strategies, appears to be a key variable in the process of legitimation and political building of territories and in the inter-scalar power relations between region and metropolis.

Nel primo caso gli interessi economici sono stati mobilitati dagli attori politico-istituzionali, mentre nel caso lombardo e milanese hanno mostrato una capacità di mobilitazione più autonoma.

La mobilitazione autonoma degli interessi economici, o la loro sollecitazione da parte degli attori pubblici, si conferma una variabile chiave nel processo di legittimazione e costruzione politica dei territori, in misura di influenzare i rapporti di scala regionale e metropolitana. Celles qui marchent bien sont celles qui ont des grandes métropoles où se concentre le pouvoir. Nous avons des régions infantiles. Pour lui, ce sont les métropoles qui sont désormais les pilotes et les locomotives du développement territorial.

Dernière consultation: 12 novembre Parmi ces facteurs la mobilisation des intérêts organisés revêt une place non-négligeable. Cette réflexion a été récemment réactualisée par les travaux de R. Pasquier sur la capacité politique des régions. Pasquier La métaphore économique de QME ou des régions fortes, cache en effet des relations inter-échelles très hétérogènes, notamment en ce qui concerne les rapports avec les chefs-lieux régionaux. En Italie les régions ont été les gagnantes des réformes administratives et constitutionnelles approuvées au tournant des années Nous sommes donc face à deux trajectoires inversées.

Ces dernières, institutions historiquement faibles en termes de ressources et compétences, ont essayé à leur tour de porter — avec des résultats mitigés - des initiatives de coopération métropolitaine dans le domaine du développement économique local. Dans le cas milanais, cette situation de faiblesse institutionnelle de la Provincia a été aggravée par un manque de collaboration avec la municipalité de Milan.

Ces considérations vont toutefois au-delà de la problématique explorée par cet article. Ce processus a été particulièrement manifeste avec les mandats du maire-président G. Depuis les annéesles intérêts économiques ont constamment investi cette échelle et, inversement, le conseil régional les a intégrés dans des instances de concertation.

Formigoni, a particulièrement intensifié les relations avec les instances patronales, notamment consulaires. Les réseaux consulaires ont ainsi contribué au processus de régionalisation, jouant le rôle de relais territoriaux des mesures en soutien du développement économique. Comment les processus de réformes politiques en cours — et plus particulièrement leur réception locale — impactent sur ces héritages institutionnels? Actuellement la situation en Rhône-Alpes et à Lyon apparaît dominée par un modèle de concurrence et de rivalité entre région et métropole — particulièrement visible dans le domaine économique.

Ces processus sont susceptibles de modifier radicalement les échelles de la négociation territoriale avec les réseaux patronaux et consulaires. Si les città métropolitane sont entrées en vigueur depuis le 1er janvierremplaçant là où elles ont été créées les provinces12, leurs perspectives de développement restent incertaines du fait notamment du flou entourant les ressources sur lesquelles elles pourront compter Bordignon, La réforme Del Rio avait été anticipée, voir accompagnée dans plusieurs villes par des mobilisations locales par le bas, impliquant tant les acteurs de la sphère politique que la société civile organisée.

Primo, la prise en compte des trajectoires de régionalisation et de métropolisation nous a permis de montrer que les réseaux économiques constituent une ressource stratégique mobilisable par les acteurs politiques pour conforter les processus de renforcement de la légitimité institutionnelle.

Cela a été typiquement le cas du Grand Lyon. Références bibliographiques Bagnasco A. Biondi V. Bolocan Goldstein M. Bordignon M. Di Ciommo F. Les villes européennes entre globalisation et décentralisation, Elsevier, Paris, pp. Galimberti D. Jouve B. Keating M. Maraffi M. Potenzialità e limiti di un livello intermedio di regolazione sociale, Franco Angeli, Milano, pp. Pasquier R. Pinson G.

Stone C. Ritaine E. Trigilia C. En Italie la mosaïque des circonscriptions politico-administratives a profondément été influencée par le modèle napoléonien introduit dans plusieurs zones de la péninsule au cours de la Décennie française In Italy, the mosaic of the political-administrative circumscriptions was deeply influenced by the Napoleonic model introduced in many areas of the Italian peninsula during the French decade Following the Unification, nevertheless, in the course of more than years of unified history, every level of the institutional areas of governance of the territory developed its own dynamics according to the different times.

This paper, using a geo-historical approach, aims at shedding light on how some dynamics that developed in the past structured the texture of the circumscriptions, reflecting upon the transformations that are underway and the changing pulsations of a controversial revision process of the institutional architecture of the State.

However, as opposed to the conception of a crystallized administrative mosaic in the long term, the different interventions modified the complex framework of the Italian territory, while reshaping it.

These interventions also had repercussions on the hierarchies of the urban networks, the functional relations, and the dynamics between metropolises and regions that still have not received appropriate attention.

The deep transformations of the areas of urban and economic polarization, the local reaction to globalization, and the legislative reforms of the local governments urge us to reconsider the découpage of the political-administrative structure, in search of solutions that will simplify the interlocking and the overlapping of the circumscriptions that nourish the knot of local authorities and their conflicts over powers.

However, a real transformation of the institutional territories cannot happen without a preliminary and clear examination of what is at stake and the social relations that should be privileged. In Italia, il mosaico delle circoscrizioni politico-amministrative è stato profondamente influenzato dal modello napoleonico introdotto in numerose aree della penisola durante il Decennio francese E hanno prodotto delle ripercussioni sulla gerarchia delle reti urbane, sulle relazioni funzionali, sulle dinamiche fra metropoli e regioni che attendono ancora di essere studiate in modo adeguato.

I profondi cambiamenti delle aree di polarizzazione urbana ed economica, la reazione locale alla globalizzazione, le innovazioni legislative sulle autonomie locali sollecitano a riconsiderare il découpage della maglia amministrativa, alla ricerca di soluzioni tendenti a semplificare la sovrapposizione di circoscrizioni che alimentano il groviglio di poteri locali e i loro conflitti di competenze.

Tuttavia, non si potrà avere una reale trasformazione dei territori istituzionali senza interrogarsi preliminarmente, con chiarezza, su quali sono le poste in gioco e i rapporti sociali che si intende privilegiare. La mosaïque et les réseaux.

Index alphabétique

Particulièrement visées sont les provinces considérées, grâce à une vigoureuse campagne des médias, comme un niveau territorial intermédiaire le plus souvent inutile. De cette façon se sont rallumés conflits et résistances entre les administrations locaux et le pouvoir central. Une perspective à travers laquelle apparaîtront plus clairement certains aspects — sédimentés dans le temps — des relations existantes entre les dynamiques de la mosaïque territoriale, qui se compose des articulations multiformes du maillage, et les changements de pouvoir, les trames des acteurs, les mutations de la maille Sereno Dans plusieurs États pré-unitaires, suite à la Restauration, cette transformation structurelle demeura, plus ou moins selon les cas, inscrite dans les trames du maillage.

Le premier est une circonscription administrative du dépar.